WOMADE è nato nel 2011 a Milano con l’intento di essere un incubatore che aumenta e nutre le relazioni, mettendo la creatività al centro di tutto. Tutti possono far parte della sua evoluzione.

 

Contribuiscono al progetto creativi, artisti, fashion designers, video makers, performers, illustratori, music producers, fotografi e designers.

 

WOMADE offre visibilità e supporta talenti legati al mondo dell’arte e della creatività, credendo nella forza della condivisione delle idee. È un facilitatore che accoglie creativi di tutte le discipline. Incoraggia la sua community a collaborare per costruire un network alternativo.

 

WOMADE trasforma luoghi in spazi della creatività. Ne sono esempio Fabbrica del Vapore, Chiostri di San Barnaba, Spazio Pepoli, Via Dante 5. Eventi a cavallo tra una mostra d’arte contemporanea, un workshop e un appuntamento al buio.

 

WOMADE si è conquistato l’appellativo di “Carillon Creativo”. Un carillon che si carica raccogliendo storie, esperienze e idee per offrire un percorso che ha come orizzonte il futuro.

 
 

PRESS

 

“Nell’era in cui per condividere qualcosa basta cliccarci sopra, è rassicurante vedere che esistono altre modalità di condivisione. Il modo migliore per descrivere WOMADE è una scatola magica, uno spazio reale e non virtuale di networking e confronto per creativi emergenti che vogliono dare visibilità alle proprie opere”. VOGUE.IT, gennaio 2012

 

“Fotografia, installazioni, fashion design, live painting e musica: WOMADE è il contenitore dedicato alle diverse espressioni dell’arte contemporanea”. VIVIMILANO – CORRIERE DELLA SERA, marzo 2013

 

“WOMADE, evento in cui convogliano live performance, installazioni, interattività, moda e design, illustrazione, video arte e musica, fotografia. Risposta di pubblico sempre positiva per un evento che si conferma un’ottima piattaforma creativa per i talenti emergenti”. ARTRIBUNE, marzo 2013

 

“WOMADE è la dimostrazione di come si possa ancora scatenare curiosità e interesse culturale nei giovani rompendo gli schemi e le false congetture. L’appeal di questo evento è costituito dalla serietà, costanza e ricerca da parte della sua organizzazione, che annualmente si propone come un appuntamento che combina arte, design, musica e moda senza incorrere nella frivolezza meneghina”. HUFFINGTONPOST, febbraio 2014