Alcuni mesi fa, nasce una piccola aziendina: WONDER Baltha. Al timone Pieter Von Balthasar aka Edgar Vallora e Elena Caltarossa. Missione: dare vita a storie tridimensionali. Li incontriamo e ci immergiamo nei loro racconti. Decidiamo di plasmare l’evento di lancio del progetto al Calusca di Milano, lo spazio di Serena Ruggeri e Mariano Franzetti.

 

 

Attraverso “Page one is…” abbiamo interpretato Wonder Baltha, i suoi valori, le sue sfumature di colore. Abbiamo deciso di farlo con messaggi in codice. Abbiamo inoltre messo a fuoco il concetto della “prima pagina”, quella che spesso immobilizza lo scrittore, ma in senso più ampio, ogni artista e creativo. Abbiamo enfatizzato l’importanza di iniziare un progetto e di agire per sconfiggere la paura di non essere all’altezza.

 

 

“Attraverso l’evento “Page ONE is”, abbiamo voluto sottolineare l’importanza che le storie ricoprono oggi. Tutti possono scrivere: è un atto terapeutico e non costa nulla. Ogni racconto, per gli altri, può essere fondamentale. Basta mescolare realtà, fantasia, invenzione e nascono storie bellissime. Eterne”. (Pieter Von Balthasar)

 

 

Sarebbe stato impossibile presentarvi il progetto attraverso la lettura dei 6 racconti nascosti negli “scatoli” (così ama definire il suo prodotto Pieter Von Balthasar). Abbiamo deciso di farlo mediante una performance curata da Gabriele Valerio della Civica Scuola di Teatro Scuola Paolo Grassi. A interpretare il lavoro sei ballerini della scuola: Sebastiano Geronimo, Giacomo Goina, Erica Meucci, Flora Orciari, Serena Malacco. Un atto performativo che ha portato i presenti dall’Italia al Tibet, passando dall’Africa e l’Inghilterra sulla colonna sonora di Maria Aminta Daniele.

 

 

L’evento si è trasformato in un piccolo set cinematografico. I protagonisti sono molti, alcuni hanno lavorato dietro le quinte, altri in prima fila. Di certo uno degli attori protagonisti e stato il pubblico presente: womaders, creativi, addetti ai lavori. La particolarità è che da spettatore si è trasformato in attore protagonista, aggiungendo una parola al claim “Page one is…”.

 

WOMADE ringrazia: Serena Ruggeri e Mariano Franzetti (Spazio Calusca), Louis de Feo, Gabriele Valerio, Campadel Maria, Erica Meucci, Paolo Sassi, Marco Enas, Paolo Grassi, Fabio Selliti, Gianni Macario, Danilo Tocco (Tocco – In vite veritas), Aperol Spritz, Federico Mainardi e tutti quelli che ci supportano costantemente.

 

Guarda il report fotografico completo (link)
 

Foto di Fabio Monceri
Articolo a cura di Davie Sedini
 
 
 

No more articles